Circa otto milioni di persone sono affetti dalla sindrome del tunnel carpale ogni anno. Quasi mezzo milione di persone colpite soffriranno abbastanza gravemente da cercare sollievo dalla chirurgia. La maggior parte di questi infortuni ha origine da persone che lavorano in ufficio, lavorando sul computer per ore e ore. Il prezzo del tunnel carpale duraturo è di settimane di riposo, un polso che potrebbe non riprendersi mai completamente e la possibilità di un intervento chirurgico significativo. Ma tutto ciò può essere evitato.

In uno stato di riposo, l’avambraccio è in posizione pollice alzato, ma un normale mouse spinge il polso in posizione palmo-giù. Di conseguenza, le ossa dell’avambraccio si stringono attorno allo spazio articolare. I mouse verticali risolvono questo problema perché un mouse verticale ergonomico ti mantiene in una posizione anatomicamente riposata e non porta alla compressione del polso. Il risultato è uno stato neutro che non porta a tensioni, danni o al tunnel carpale.

guida ergonomica verticale del mouse

I mouse regolari possono ferire il corpo

L’uso di un mouse standard per ore e ore danneggerà il tuo corpo, e questo si riflette nelle enormi porzioni di persone che soffrono di tunnel carpale ogni anno. I mouse dal design ergonomico sono migliori dei loro omologhi non ergonomici, ma la maggior parte ha ancora un difetto fondamentale sospendendo il polso in una posizione non neutra contro una superficie piana.

Ma il polso non è l’unico posto che soffre. Anche le posizioni del mouse tese coinvolgono le spalle. Prenditi un momento per riposare i gomiti ai lati, con gli avambracci con il polso rivolto verso l’alto, come se stessi cercando di assumere una posa meditativa tradizionale. Entrando in questa posa, dovresti immediatamente sentire una differenza di pressione su spalle e polsi. Questa è una posizione riposante per entrambi i tipi di articolazione e le violazioni a lungo termine di questa posizione possono causare dolore.

In alternativa, fai finta che ci sia un volante davanti a te e prendilo. Presta attenzione a come sono posizionate le spalle quando le mani sono posizionate alle 10 e 15. Dopo aver mantenuto questa posizione per un momento, fai scivolare le mani attorno alla parte inferiore della ruota e sentirai la pressione dalla rotazione all’interno della spalla mentre l’articolazione ruota internamente. Quella rotazione sembra scomoda, ma mantenere la posizione standard del mouse è ancora peggio. La sindrome del tunnel carpale e lesioni simili sono il risultato di queste piccole agitazioni applicate all’articolazione giorno dopo giorno, formando un modello di abuso ripetitivo.

Usando un mouse verticale

Scegliere il mouse giusto

Solo perché il tuo mouse ha la forma giusta non significa che sia il mouse giusto per te. Alla fine della giornata, con il mouse verticale ergonomico  o meno, vuoi comunque che il tuo mouse faccia tutto ciò che ti aspetti che faccia. Ciò può significare avere pulsanti extra che puoi programmare, pulsanti di configurazione DPI e persino la qualità della build utilizzata dal dispositivo stesso.

In altre parole, ogni mouse verticale ergonomico dovrebbe aiutarti a evitare di farti male al polso, ma non ogni mouse verticale avrà tutto ciò che desideri. Il mercato dei mouse verticali è ancora abbastanza vuoto, e quella mancanza di concorrenza ha portato a una moltitudine di mouse insignificanti offerti da molti produttori. Ad esempio, la maggior parte delle persone utilizza la mano destra e la maggior parte dei mouse produce rosso per i destrimani. Ma se guardi abbastanza duramente, puoi anche trovare mouse ambidestri forti là fuori, anche per i mouse verticali.

mouse verticale senza fili

Cablato vs wireless

Un’altra cosa da considerare è se vuoi o hai bisogno di un cavo. Le prime generazioni di mouse wireless erano significativamente peggiori in termini di reattività, ma i moderni mouse wireless sono quasi indistinguibili dai mouse cablati ora. Molte persone preferiranno un mouse wireless per la comodità di un filo in meno nelle loro vite e sui loro banchi. Ma i cavi non sono privi di merito, tendono ad essere meno costosi, non devono mai essere ricaricati e sono ancora leggermente più reattivi dei mouse wireless perché sono collegati direttamente.

Sensori ottici vs. sensori laser

La maggior parte delle persone non noterà una differenza tra sensori laser e sensori ottici. Ciascuno differisce leggermente in termini di tracciamento del movimento. I mouse ottici utilizzano i LED per illuminare la superficie della scrivania per la lettura, mentre i laser utilizzano un raggio laser per vedere cosa c’è sotto il mouse in modo molto dettagliato. I laser tendono a leggere più punti per pollice (DPI), il che significa che sono in grado di essere più sensibili.

Ma queste differenze di sensibilità saranno generalmente osservate o apprezzate solo da persone che lavorano con una precisione pixel perfetta, come artisti grafici o giocatori. Un’altra differenza che riguarda principalmente artisti e giocatori è l’accelerazione. I mouse laser vengono visualizzati in profondità in una superficie, il che può provocare movimenti nervosi quando si procede a velocità molto basse.

I mouse ottici funzionano bene su superfici non lucide, mentre i mouse laser funzionano praticamente ovunque. Se hai una scrivania lucida o utilizzerai i tuoi mouse su diverse superfici, potresti voler fare di tutto per un mouse laser. Ma se non hai specificamente bisogno di un laser, sarai perfettamente soddisfatto dei sensori ottici, che tendono ad essere meno costosi.

 

Se vuoi avere altre consigli prima di acquistare un prodotto clicca qui.

Grazie per aver letto tutto l’articolo. Se lo hai trovato utile, condividilo sui tuoi social e fammi sapere, nei commenti, la tua opinione perché per me la tua opinione è davvero importante.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments